Aspettando l’E3: Red Dead Redemption 2

Anteprime PlayStation 4 Xbox One

Nel 1899 il selvaggio West era stato domato, l'era dei pistoleri e dei fuorilegge era quasi solo un mito...

Sono passati ben otto lunghi anni dall’ultima volta che abbiamo potuto camminare tra le strade sabbiose ed i saloon del vecchio West, vivendo in prima persona la vita di un Cowboy tra bande, sparatorie e cacciatori d’oro. Red Dead Redemption 2 è finalmente giunto a pochi mesi dal lancio ufficiale, e in occasione dell’E3 2018 di Los Angeles si spera di avere maggiori informazioni sul nuovo titolo firmato Rockstare. Un dato che fin da subito balza all’occhio riguarda le decisioni prese dalla software house per questa nuova produzione, che come accaduto per il primo episodio ha preferito concentrarsi solamente su PlayStation 4 e Xbox One, lasciando a bocca asciutta i giocatori PC.

Red Dead Redemption 2

I tre trailer fino ad oggi mostrati hanno detto molto sul comparto storico e narrativo, individuando l’epoca ed i personaggi che prenderanno parte all’azione. Per quanto riguarda invece il gameplay in single e multiplayer mancano ancora dei veri e propri dettagli che possano inquadrare i progressi che la software house ha portato per questo secondo capitolo della serie. Cosa si può dunque dire riguardo Red Dead Redemption 2? In realtà non moltissimo, a causa di una carenza d’informazioni che si spera venga colmata in parte in quel di Los Angeles. Per il momento è però possibile fare un punto della situazione per quanto riguarda il periodo in cui si andrà a collocare la storia ed i collegamenti con il primo Red Dead Redemption. Inoltre, per quanto riguarda il comparto gamelay sono trapelate alcune informazioni in pillole relative alla vastità del nuovo open world di Rockstar Games, oltre ad alcuni elementi innovativi.

Red Dead Redemption 2

STORIA: Red Dead Redemption 2 sarà ambientato nel 1899, ben 12 anni prima le vicende di John Marston nel primo capitolo della serie. Si tratta di un periodo di forte decadenza e crisi per tutti i Cowboy e fuorilegge, in un contesto sempre più propenso al modernismo e che abbandona sempre più le vecchie usanze del vecchio West. In questo ambiente non semplice e di profondo cambiamento si colloca il protagonista della storia Arthur Morgan, membro effettivo della banda di Dutch di cui si è già sentito parlare in Red Dead Redemption. Proprio quella stessa banda appartenente a Dutch Van Der Linde, di cui era parte attiva John Marston, e che diventò il vero antagonista durante tutto l’arco del gioco uscito nel 2010. Com’è quindi facilmente immaginabile, in Red Dead Redemption 2 sarà presente sia John Marston con tutti i vecchi compagni della banda, oltre a tanti altri personaggi di vecchia data già ampiamente conosciuti, con un aspetto sicuramente ringiovanito. Cosa potremmo dunque aspettarci in termini di narrativa è ampiamente pronosticabile, con tanti riferimenti e collegamenti che andranno anche a spiegare ed inquadrare le situazioni vissute in Red Dead Redemption. Sembra però che in questo secondo capitolo ci si concentrerà maggiormente su una collettività di storie, dando importanza a tutti i personaggi della banda e non solo. Attraverso delle side-quest, definite di vitale importanza dalla stessa Rockstar Games, sarà dunque possibile comprendere nel migliore dei modi l’ampio mosaico narrativo che dovremo scoprire durante tutto l’arco del gioco. Una narrazione quindi meno centrata sul protagonista Arthur Morgan, ma che abbraccerà una collettività storica che andrà ad unire man mano i vari punti, di una trama che si preannuncia molto intricata e complessa.

Red Dead Redemption 2GAMEPLAY: Se per quanto riguarda la storia abbiamo avuto relativamente molte informazioni, queste diventano molte meno se si entra nei dettagli del gameplay e di tutte le novità che è lecito aspettarsi in tal senso in Red Dead Redemption 2. Tra le poche indiscrezioni trapelate, sembra che il sistema open world sarà di altissimo livello, all’interno di un mondo vasto e decisamente più vario rispetto al predecessore. Non soltanto paesaggi aridi ed impolverati, ma anche ambientazioni nevose montane, foreste ed isole, che preannunciano un nuovo sistema di navigazione che sarà presumibilmente presente all’interno dell’immensa mappa di gioco. Proprio la vastità della mappa del mondo e la possibilità di poter interagire con ogni elemento dell’ambiente sembra poter essere uno dei fiori all’occhiello di Red Dead Redemption 2, che farà un clamoroso passo in avanti in merito a realismo e sensazione di vivere realmente il vecchio West. Il sistema di controlli, le sparatorie e la gestione degli oggetti saranno alcuni degli aspetti che subiranno le più alte modifiche dal punto di vista gameplay. Non sono però stati forniti sufficienti dettagli per il momento per poter comprendere appieno in che modo questi elementi renderanno il gioco migliore rispetto al passato. Sicuramente l’esperienza maturata con GTA 5 ed il sistema open world ampiamente apprezzato da critica e fan avrà dato quegli elementi necessari a Rockstar Games per gestire e migliorare ancora di più una sfida così grande, tanto quanto come sarà il mondo vario e complesso di Red Dead Redemption 2.

Red Dead Redemption 2MULTIPLAYER: Quella che al momento è realmente avvolta da una fitta nebbia di mistero è la modalità multiplayer. Seguendo gli schemi precedentemente usati da Red Dead Redemption e da GTA 5, la componente online punta ad essere sicuramente una delle modalità più curate da Rockstar Games e sarà dunque ricca di contenuti. Se è dunque pensabile che saranno presenti delle missioni in co-op da poter svolgere insieme ai propri compagni, è anche ipotizzabile che sarà possibile scorrazzare per il vecchio West in assoluta libertà. Si potranno così incontrare i propri amici o dei perfetti sconosciuti, per gare a cavallo, duelli tra Cowboy o una sana partita a poker. Sembra che verrà inserita inoltre una modalità Battle Royale, tutti contro tutti in aree molto vaste, che punta ad essere la vera ed assoluta novità per quanto riguarda il multiplayer di Red Dead Redemption 2. Speriamo di saperne di più all’E3.